Rete Sociale | Maltrattamenti in casa famiglia Accuse pesanti ai coniugi gestori
16408
single,single-post,postid-16408,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive
avvocato-pichierri-07_12_2016-quotidianocesena-forli-cesena

10 dic Maltrattamenti in casa famiglia Accuse pesanti ai coniugi gestori

A MONTIANO, PROCESSO AL VIA IERI

Il ragazzo di 16 anni che ha fatto denuncia dopo essere fuggito e suo padre si sono costituiti parti civili

MONTIANO. I coniugi che gestiscono la casa famiglia “Il Sorriso”a Montiano finiscono a processo per rispondere di accuse pesanti: quelle di avere maltrattato un ragazzino a loro affidato, e comunque di essersene occupati senza la necessaria cura. Carenze che, da quando è emerso da testimonianze raccolte e sopralluoghi eseguiti, avrebbero riguardato anche altri bambini accolti in quella struttura.

Al momento, c’è stata un’unica denuncia che ha messo in moto gli inquirenti, fino a culminare nel rinvio a giudizio. E’  partita da un ragazzo nato nel 2000, che fin da quando aveva sei mesi è stato allontanato dalla famiglia. Finché è fuggito d al l’ennesima comunità per minori dove era stato inserito, quella situata a Montiano, ed è tornato dal padre, che abita in un’altra regione. Pur essendo tuttora affidato ai servizi sociali, ora vive con lui.

Ieri mattina gli avvocati Caria Pichierri e Paolo Camporini, che assistono rispettivamente l’adolescente e suo babbo, si sono presentati in tribunale a Forlì per l’udienza preliminare del procedimento penale, davanti al gip Camillo Poillucci e alla pm Lucia Spirito. Lì si sono costituiti parti civili e hanno chiesto ed ottenuto che ad uno dei due imputati, il 66enne Pietro Bagnolini, originario di Roncofreddo, venisse contestata una recidiva specifica: infatti qualche anno fa fu riconosciuto colpevole ….

Per saperne di più scarica l’articolo completo qui