Rete Sociale | RIVOLI: BAMBINA SENZA CURE, PER LE CARENZE…
16363
single,single-post,postid-16363,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

13 nov RIVOLI: BAMBINA SENZA CURE, PER LE CARENZE…

COMUNICATO STAMPA 

RIVOLI: BAMBINA SENZA CURE, PER LE CARENZE DEL SISTEMA GIUDIZIARIO E DEI SERVIZI SOCIALI

Lucio Malan, senatore di Forza Italia, ha dichiarato:

“Una famiglia, e in particolare una bambina, finita negli spietati ingranaggi della giustizia e dei servizi sociali del comune di Rivoli (Torino), sono al centro della mia interrogazione presentata al ministro della Giustizia, on. Orlando, al ministro del lavoro, on. Poletti e al ministro della salute, on. Lorenzin. Un caso allarmante, purtroppo non raro negli interminabili procedimenti sui minori, sui quali, invece, anche pochi giorni possono creare traumi indelebili. Da anni il padre della piccola E. lotta per farla curare adeguatamente, affetta da dislessia e disprassia evolutiva, problemi visivi, di apprendimento, psicomotori e psicologici, accertati anche dalla magistratura torinese.

Dopo lunghe e costose perizie, nel 2011 il Tribunale ha accertato i problemi di E. e ha ordinato ai genitori, che da tempo sono separati, di assicurarle “trattamenti urgenti e multidisciplinari”, incaricando il servizio sociale di Rivoli di monitorare la situazione. Tuttavia, la bambina non ha mai avuto quelle terapie e il servizio sociale non è mai intervenuto, ignorando i solleciti del padre, che ha enormi difficoltà a vedere la figlia, nonostante abbia l’affido condiviso e le accuse di molestie mossegli dall’ex coniuge siano state archiviate dalla giustizia e giudicate probabilmente strumentali. Da anni chiede alla magistratura di potersi occupare delle terapie per la figlia, ma i tempi sembrano infiniti e nel frattempo i problemi restano e aumentano.

TORNA INDIETRO                              CONTINUA A LEGGERE